LA PESCA MOSCA E SPINNING – IN EDICOLA IL NUOVO NUMERO


NOCE E AVISIO: IL PARADISO DELLE MARMORATE

di Ivano Mongatti
Il Noce nella Piana Rotaliana e nei pressi del bacino di Santa Giustina, l’Avisio in Val di Cembra: sono due dei migliori corsi d’acqua trentini, grazie alla competenza dei gestori e alla struttura organizzativa di Trentino Fishing.

 

LECCIA AMIA

di Francesco Paolini

Splendido carangide dei nostri mari, la leccia è insidiabile in molte zone d’Italia. L’ambiente nei quali il confronto è più vantaggioso per il pescatore è quello di foci e canali, ma non mancano le opportunità anche nei porti e nelle coste rocciose, come nelle isole.

 

HAVØRRED FYN

di Stefano Ticchiati

Le trote di mare dell’isola danese Fyn – nel mar Baltico, caratterizzato da bassa salinità – sono prede selvagge la cui cattura dalla costa è sempre molto gratificante. Essendo la Danimarca facilmente raggiungibile con voli low cost, si tratta di una meta da non trascurare.

 

LIGHT SPINNING MEDITERRANEO

di Francesco Li Bianchi e Tonino Grillo
Gli approcci light dello spinning marino di derivazione giapponese (mebaru e aji game in particolare) nel contesto mediterraneo si sono col tempo trasformati, prevedendo l’uso di attrezzature più robuste, con un eclettismo di applicazione ben diverso da quello originario.

 

SARCA: L’ALTO CORSO

di Matteo Menghini
L’Associazione Pescatori Alto Sarca gestisce un lungo e bel tratto del Sarca sul quale sono istituite varie zone no kill e cinque riserve, fra le quali in particolare Regorie e Maroc del Ghiro. Attrezzature, artificiali, notizie utili per pescare al meglio in questi splendidi ambienti.

 

INCHIKU VS SOFT BAITS IN ADRIATICO CENTRALE

di Diego Bedetti
È la volta della disamina delle tecniche – fast e slow – che prevedono l’impiego delle soft bait in acque marine alla ricerca di prede che si muovono a diverse profondità.

 

VAL D’EGUA

di Ettore Miletto
In Valsesia, l’Egua scorre per una trentina di chilometri prima di sfociare nel Sermenza. Diverse sono le possibilità di pesca, specie nei comuni di Carcoforo e Rimasco, dove i paesaggi sono incantevoli. A mosca e a spinning, in particolare ultraleggero e ‘fly style’.

 

CHI HA PAURA DEL PIOMBO SUL FILO?

di Giorgio Montagna
Quella di anteporre un piombo sulla lenza alla quale si collega l’artificiale è una tecnica che trova pareri favorevoli ma anche nettamente contrari. Giorgio valorizza alcune catture in acque sia marine che dolci, portando un’interessante riflessione sull’argomento.

 

BOSNIA: UNA E SANICA

di Federico Renzi
Invitato da Patagonia per la campagna «Save the blue heart of Europe», Federico ha avuto modo di pescare con diversi ‘colleghi’ europei in due splendidi e ben organizzati corsi d’acqua, dove trote e temoli non mancano, stimolati da abbondanti e continue schiuse di insetti.

 

SPIGOLE VERTICALI

di Marco Pasquato
L’evoluzione tecnologica delle attrezzature avvenuta nel corso degli ultimi anni ha riportato in auge la tecnica del light jigging alle spigole, nata nella laguna antistante Venezia e poi dimenticata. Tecniche, attrezzature e artificiali per praticarla al meglio.

 

FILM SINTETICI PER ALI

di Federico Renzi
Rafia sintetica, Zing wing, Medallion sheeting, organza, tessuti stampati, cartene: sono innumerevoli le pellicole sintetiche che, nate per altri impieghi, sono state adottate dai costruttori per realizzare – in abbinamento magari a materiali naturali – ali robuste e imitative.

 

GRANCHIO KABURA

di Moreno Bartoli
Indicati per insidiare tutte le specie ittiche che vivono sul fondo o in prossimità di esso, i granchi Kabura vanno manovrati lentamente, facendoli strisciare in terra in modo da sollevare nuvolette di sabbia o fango, oppure facendoli alzare per pochi metri con colpetti in verticale.

Sfoglia le anteprime della rivista