Fuga per la vittoria 1ª parte


IMG_4553Nella vita di situazioni in antitesi tra loro, che generano emozioni altrettanto opposte ne abbiamo quante ne vogliamo. Ma, tra queste, ve ne sono due con le quali ogni pescatore ha avuto a che fare una serie indefinita di volte: la sconfitta e la vittoria.L’una non può escludere l’altra, vivono assolutamente in una sorta di strana simbiosi in cui, a seconda da che lato la si guardi, può essere estasiante come dannatamente deprimente.Tutti noi (me compreso) siamo soliti narrare di gesta epiche compiute nei più disparati e reconditi posti del globo terrestre terminandoli con la rituale foto di rito che ha in bella mostra la preda il cui sguardo lascia spazio a poche interpretazioni su chi sia il vincitore e chi il vinto (sebbene poi lo si rilasci nel suo habitat).In questo racconto mi voglio “salmonizzare”, andando volutamente contro corrente e raccontare di una sconfitta che, per come è maturata, sarà difficile da dimenticare e, oltretutto, spero di non dimenticare mai.Non nascondiamolo, noi pescatori dobbiamo essere un po’ come i giocatori di rugby che, dopo essersele date di santa ragione, al termine dell’incontro, vanno al terzo tempo, si stringono la mano onorandosi l’un l’altro. L’unica differenza sta nel fatto che, al termine di una giornata di pesca, è un po’ arduo ritrovare tutti i nostri pinnuti avversari per complimentarci a vicenda (ammesso che li sia presi).Bene, veniamo al racconto.IMG_4540

Eravamo, come spesso ci capita, dall’amico Angelo Piller ed in particolare, quel giorno, io ed Antonio stavamo accompagnando Cristian e Fiorenzo, due amici del Mosca Club Vallesina, nel No-kill di Perarolo.Chi conosce il posto (come io e Antonio conoscevamo) sa bene che, inoltrarsi nel bosco senza una quattro ruote motrici, è assolutamente sconsigliato nonché da sconsiderati.

Bene, per far risparmiare qualche minuto di cammino ai nostri amici, impavidi, siamo arrivati oltre le colonne d’Ercole.Al momento di salutarci, per fare ognuno la nostra bella giornata di pesca, cerchiamo di risalire quando una dannata pozza di fango ci fa arenare e da inizio all’avventura.I nostri amici, capendo che anche loro sarebbero incappati nello stesso inconveniente, si adoperano per farci risalire cercando di riempire la fangaia con tutta la legna disponibile nei paraggi ma senza successo.Non ci rimane che chiamare gli altri nostri amici, già intenti nella loro giornata di pesca, affinché ci tirassero fuori dall’impasse.Stefano e Gabriele ci soccorrono e, grazie all’aiuto di un signore che abitava nei paraggi e che possedeva un’auto idonea a quei posti, riescono a risolverci il problema non senza fatica. Mentre venivamo trainati fuori, vedevamo le scintille prodotte dall’attrito della catena (non avevamo corde) sull’attacco della sua auto ed io ne uscii fuori con il gancio traino spaccato in due. Ciò nonostante non smetteremo di ringraziare quello che per noi fu il buon samaritano, senza il quale avremmo avuto da penare non so quanto prima di venirne fuori.Guardiamo l’orologio e praticamente la mezza giornata di pesca se n’è andata.Cristian e Fiorenzo avrebbero avuto tutto il diritto d’insultarci fragorosamente (almeno al sottoscritto visto che a guidare ero io) ma si sono comportati da veri signori.Nella seconda metà della giornata saremmo stati io e Antonio a scendere nel no-kill.Ci mangiamo fugacemente un panino e, pronti a riscattare la giornata iniziata non certamente nel migliore dei modi, scendiamo verso il no-kill (stavolta fermandoci nella piazzola idonea).Appena apriamo il portellone del portabagagli Antonio si mette le mani nei capelli ed esclama: “Nooooo!!!”. Non c’è la borsa di Antonio in cui aveva scarponi e waders.Panico!!!! Dov’è ? Antonio fa uno sforzo di memoria e congela un’immagine in cui vede la propria borsa in una panca davanti Villa Marinotti dove l’aveva appoggiata la mattina poco prima di caricarla in auto.Pronti? Via !! Direzione Villa Marinotti alla ricerca della borsa perduta. Arriviamo e qui, nel frattempo, erano tornati Cristian e Fiorenzo in attesa di andare a pesca. Ci vedono arrivare tutti trafelati e, non appena diciamo il perché siamo lì, ci basta osservare il loro sguardo per leggere ciò che in cuor loro hanno pensato…. ma che, anche stavolta, non hanno proferito per non infierire. Touchè e grazie di cuore per la comprensione.

 ……….To be continued