QUANDO IL SOGNO DIVENTA REALTA’ (3a PUNTATA)


foto 1Ormai la penisola di Kola ci ha conquistato,  soprattutto per i suoi fiumi ricchi di salmoni atlantici….Nel giugno 2002 , siamo io e Sandro a pesca sul Varzuga, (gli altri amici per motivi vari non possono partecipare).foto 2

I rapporti instaurati con Alexiej e Sasha e il consenso dell’ispettore capo Kollushion, ci consentono  ancora di far parte della spedizione scientifica, aggirando i costosi campi sia Americani che Russi.Stabilito un altro contatto   in questo anno, cambiamo itinerario.

foto 3Si arriva in aereo  da Roma a San Pietroburgo, poi con il treno ,attraverso la Karelia, dopo 24 ore,si arriva a Kandalaska.(viaggio lungo ma confortevole con cuccetta e vagone ristorante) Qui ci aspetta Sasha con un fuoristrada ma ci attendono ancora quasi 200 km per giungere al villaggio con meta’ percorso su asfalto, il resto in sterrato. Durante il viaggio ci fermiamo sul mitico Umba, solo per una pausa,e finalmente arriviamo stanchi morti a Varzuga .Il giorno seguente iniziano i preparativi per la spedizione. Per fortuna il Phontom e’ stato conservato bene insieme ai due galleggianti, e il resto della attrezzatura(tende, materassini e altro ).foto 4

Un elicottero carica il tutto e ci porta su un affluente del Varzuga, lo Iusja, qui ci lascia  vicino ad un capanno dove facciamo campo.

Il giorno dopo montiamo il phontom e tutto il resto e ci apprestiamo alla discesa .
foto 6 livelli sono bassi, e i salmoni ancora non sono arrivati per cui viaggiando fra non poche difficoltà’ (a volte trascinando il phontom su un palmo d’acqua), ci fermiamo penso all’una di notte in un campo in allestimento (c’erano solo tende e gli ospiti erano finlandesi), dove ci rifocilliamo insieme al responsabile che ci offre vodka e salumi vari.foto 5

Si riparte e dopo qualche pescata in spot interessanti e redditizi,  finalmente arriviamo sul Varzuga.Il secondo campo lo facciamo a valle della confluenza con il Pana, dove peschiamo diversi salmoni. Dopo due giorni si riparte per un altro campo vicino a un piccolo affluente il Kriviez, e anche qui salmoni freschi di risalita (3-5 kg).Prossimo campo e’ presso il torrente Arenga. (percorsi in tutto quasi 72 Km via fiume )foto 7

Uno spot bellissimo che ci regala anche diversi salmoni a secca con la mitica Bomber fly.Il viaggio finisce con l’elicottero che ci riporta a Varzuga da dove riaffronteremo a ritroso il ritorno a San Pietroburgo e poi a Roma.foto 8

L’anno successivo nel 2003 ,sempre nel mese di Giugno,  ripetiamo lo stesso itinerario, facendo solo tre campi  ,ma i risultati sono sempre ottimi . Facendo due conti abbiamo catturato in due un centinaio di salmoni piu’ altri persi, fantastico….

foto 9

e a presto per l’ultima puntata , la piu’ sofferta, e scoprirete il perche’…..ciao

Ubaldo Angelini

foto 10