FUGA PER LA VITTORIA 2ª Parte


IMG_9094incassiamo l’ennesima figuraccia e, pronti a cambiar rotta alla sorte di quella giornata, partiamo a spron battuto verso il no-kill.

Giungiamo sul posto. Antonio scende dalla macchina prima ancora che sia ferma, va verso il portabagagli, lo apre e, in men che non si dica, è già in mutande quando io mi accorgo, ovviamente mantenendo l’aplomb di un boscaiolo che si da un’accettata sui piedi, di non avere l’intimo tecnico da indossare sotto ai waders. Era rimasto in quel di Villa Marinotti anche lui a far compagnia alla borsa di Antonio.

IMG_4202

Non ci penso un istante. Lascio Antonio in mutande (ma con il necessario per completare la vestitura) e ripiombo in auto alla ricerca dell’intimo perduto.In preda alla vergogna più assoluta mi sento sollevato quando vedo che Cristian e Fiorenzo non ci sono più (stavolta non me la sarei risparmiata).Come Gatto Silvestro entro, prelevo il bottino, quando, varcato l’uscio sento una dolce vocina alle spalle che mi chiede: “Remo che succede, è già la seconda volta che torni !!!!”.A chiunque avrei risposto in un modo da codice penale ma, voltandomi e vedendo il volto dolce di Nadia (la padrona di casa) son certo che se me lo chiede è perché si sta realmente preoccupando che qualcosa non vada.

ppnk5912cLa prima frase che mi passa per la mente è quella che mi ha spinto a scrivere questo racconto “Niente Nadia…..oggi solo un temolo da 55 può rimettere a posto le cose!!!!” Lei, sapendo cosa vuol dire quello che ho proferito mi guarda come se le avessi detto che l’indomani sarei stato Papa.Preso dall’ansia di aver lasciato Antonio in mezzo al bosco riparto a missile e, arrivato a destinazione, scendo dall’auto cambiandomi con una velocità tale che, Superman dentro la cabina telefonica, sembrava un bradipo.Un’ultima revisione prima di partire. Sembra che tutto sia a posto e allora andiamo!!!

ppnk230912b

Dopo tutto quel che ci è accaduto, giunti sul fiume, ci si sente come al cerchio di centrocampo prima del calcio d’inizio della finale dei campionati del mondo.Si parte!!! Io e Antonio ci dividiamo le sponde. Nei primi 300 metri di fiume veniamo catturando a ninfa tutti bei pesci anche se le taglie non sono da appuntare sul calendario.Passata la prima grande buca, dove abbiamo cominciato a vedere qualcosa di più interessante, arriviamo ad un “correntone” che Antonio si batte da cima a fondo quando, giunto all’inizio, nota un grosso masso a ridosso del quale sembrava aver visto muoversi un’ombra sospetta.

IMG_5610

Rovista nella scatola delle ninfe e, accorgendosi di aver terminato ciò che cercava, si gira verso di me chiedendomi “Non è che hai una ninfetta sullo scuro?”. Io, sapendo cosa volesse, ci ho messo un attimo a prenderla e a stendergliela.

SAMSUNGTorniamo a pescare ognuno al proprio posto quando, attirato da un grido di Antonio, mi giro e vedo la sua canna piegata come solo un toro poteva fare. Ad un suo cenno capisco che forse servirà una mano per portarlo al guadino e mi avvicino con l’ansia di chi ha una responsabilità non da poco. All’amo c’era un temolo che si aggirava sulla fatidica misura dei cinquanta quindi, se l’avesse perso a causa mia, non me lo sarei mai perdonato. Il combattimento dura ancora un po’ quando, giunto nei miei paraggi e già esausto, al nostro amico temolo non resta che adagiarsi nel guadino. Antonio sprizza gioia da tutti i pori sapendo che la sua giornata era raddrizzata. Foto di rito e rilascio con onore. Bel pesce veramente.SAMSUNG

Io, nel frattempo, ricomincio a pescare con la testa che mi ronza pensando e ripensando a quella frase che avevo lasciato a Nadia………….Si susseguono altre catture ma passano i minuti, le ore e il tempo tra me ed il goal si assottiglia. Ma è in questi momenti che, dando fondo a tutto ciò che hai nella memoria, mi torna in mente una frase di Angelo (Piller): “Quando te la vedi persa col temolo c’è sempre il San Juan…..”.temolonenokill

Siamo un po’ oltre la metà del no-kill. Qui il fiume qui crea una lama abbastanza profonda con corrente sostenuta in cui possono trovare l’habitat ideale pesci di taglia.

Non ci penso un secondo di più ed incomincio a testare il San Juan. Prima passata nulla, seconda idem, alla terza sento un blocco e ferro. Dapprima ho l’impressione di aver incagliato ma, al successivo strattone capisco che sotto c’è qualcosa di vivo e dannatamente tosto. Cerco di sollevare l’esca dal fondo ma sento opporre una resistenza degna di Leonida alle Termopili. Continuo nella mia opera ma non riesco a vedere ancora cosa c’è all’altro capo della lenza.

IMGP0067

Ad un certo punto sento cedere improvvisamente e il sangue mi si gela nelle vene: “L’ho perso penso!”. Errato. Ciò che era celato dalla profondità delle acque spiccò un volo a circa un metro oltre la superficie.

Era un temolo le cui dimensioni non riuscii a stimare se non per la faccia che fece Antonio (che nel frattempo stava pescando nella sponda opposta). Lasciò immediatamente la canna e, per restituirmi il favore fattogli in precedenza, cominciò a correre indietro alla ricerca di un punto idoneo ad attraversare per venirmi ad aiutare.IMGP1005

Io intanto avevo i secondi che sembravano ore. Il treno iniziò a farmi andare su è giù per la lama spiccando di tanto in tanto dei voli che mi facevano bloccare il cuore, visto lo 0.12 che avevo improvvidamente messo come finale.

Cercava di ripararsi in ogni dove ed io lì a trovare una soluzione per trovare il bandolo alla matassa che sembrava sempre più intricato. Ogni strattone perdo un battito.Antonio sta quasi per attraversare ma, vista anche l’asperità del terreno pieno di ciottoli pronti a franare, non posso attenderlo a breve.

A quel punto decido di contrattaccare e, forte del fatto che sembri aver dato molto, cerco di tirarlo a me.

Sembra che questa volta la sorte sia dalla mia parte. Il guerriero esausto si avvicina ed io, fiero come forse mai mi era capitato prima in pesca, metto mano al guadino.

Tendo il braccio verso la preda alla quale, essendo già su un fianco, non resta che entrarci dentro. Mera illusione la mia !!!! A meno di venti centimetri dal guadino, l’impavido si rimette dritto e rimettendo benzina ai suoi motori, si riprende almeno 15 metri di coda e, spezzando il finale, da fine a quella che per lui è stata la “fuga per la vittoria”.Dire quello che ho provato in quel momento forse è impossibile, ma se capitate nel no kill di Perarolo credo che ancora un po’ d’eco vi aiuti a capirlo. Antonio si blocca impietrito.

Non so se quel temolo fosse da 55, meno o più. Però, sebbene sia andata com’è andata, sono certo che, con la scarica di adrenalina avuta in quel momento, mi ha restituito, ciò che la sorte avversa di quella giornata mi aveva tolto.Quindi, onore al merito e trarre più insegnamenti possibili da queste situazioni. Primo fra tutti pescare in posti in cui il compagno può facilmente raggiungerti.

Schermata 2014-08-11 alle 13.42.18

Il posto vuoto qui sopra non è un errore. Qui sarebbe dovuta esserci la foto postata dal vincitore della sfida ma, per mia fortuna, non aveva la macchina fotografica.

A presto :-)

Remo