Taeniopteryx nivalis


I Plecotteri, sono ritenuti degli ottimi indicatori dello stato della qualità delle acque dei ruscelli e dei fiumi. È stato chiaramente dimostrato che gli stadi ninfali dei Plecotteri necessitano di acque fredde e ben ossigenate per la loro sopravvivenza e che di conseguenza sono molto suscettibili alle contaminazioni, dei corsi d’acqua, causate dall’uomo.

Diffusione e specificità

Philum Artropodi

Ordine Plecoptera

Famiglia Taeniopteridae

Specie Taeniopteryx nivalis

La Taeniopteryx nivalis è presente su tutto il territorio italiano con schiuse nel periodo invernale. Emersione si verifica nel mese di marzo, gli adulti vivono per circa 1 mese e le uova vengono deposte 1-3 settimane dopo lo sfarfallamento. Le uova iniziano a schiudersi a fine aprile a metà giugno e le ninfe probabilmente subiscono diapausa da luglio a fine settembre. La diapausa è interrotta da fine settembre a metà ottobre e in questa fase la crescita procede inizialmente rapidamente, ma poi diminuisce tra il penultimo stadio e il finale. La muta finale si svolge a fine dicembre a metà gennaio. Le ninfe si nutrono di detriti e continuano ad alimentare fino a poco prima della trasformazione. E’ un insetto che predilige sia grandi fiumi sia i torrenti con fondo sassoso, La ninfa è di colore rossiccio brunastro; l’immago ha ali grigio avvolte sopra l’addome con zampe rossastre.

2Taeniopteryx nivalis 2016.docxInsetto adulto

Taeniopteryx nivalis 2016.docx

ninfa

Generalità

Le ninfe e le neanidi vivono in ambienti acquatici, sotto le pietre, di preferenza nei letti di torrenti e ruscelli rocciosi dotati di correnti più o meno tumultuose, ma vi sono anche specie che prediligono luoghi sabbiosi. Alle alte latitudini, laghi freddi e stagni divengono anche dei luoghi idonei al loro insediamento. Diversi studi hanno dimostrato che molte specie sono state rinvenute in situazioni particolari, alcune sotto grosse pietre, altre nella ghiaia e altre ancora in letti di foglie. Durante questo stadio si nutrono predando altri invertebrati acquatici oppure di alghe e detrito, ma divengono anche preda di pesci ed uccelli.

Ciclo biologico

Stadio ninfale

Tutte le ninfe sono acquatiche e somigliano agli adulti per molti aspetti: hanno tre segmenti tarsali; le antenne sono lunghe e filiformi; hanno sempre lunghi cerci e mancano sempre di coda centrale o filamento caudale mediano; le branchie, qualora le abbiano, possono trovarsi in varie parti del torace e addome e sono composte solo da filamenti e non da lamine; ciascuno dei segmenti toracici è ricoperto da un grande sclerite. A seconda della specie, del sesso e delle condizioni ambientali, le ninfe compiono dalle 12 alle 24 mute. Lo sviluppo fino allo stadio immaginale può durare da uno a tre anni a seconda della specie. Lo sfarfallamento avviene in primavera o in autunno, prevalentemente di notte.

Stadio immaginale

Hanno tre segmenti tarsali, ma le loro zampe posteriori non sono idonee al salto. Le loro antenne sono filiformi e lunghe almeno la metà la lunghezza del corpo. I loro cerci sono almeno altrettanto lunghi e formati da molti segmenti. Le ali sono quasi sempre presenti e sono ripiegate orizzontalmente all’indietro sopra il corpo, quelle anteriori sono lunghe e strette, le posteriori sono più corte. Durante la vita immaginale, che può durare solo pochi giorni o settimane, i Plecotteri vivono nei pressi dei corsi d’acqua dove vivono le ninfe, tra le pietre o tra la vegetazione. La loro alimentazione è costituita prevalentemente da alghe o da licheni, alcuni però non si alimentano a causa di un apparato boccale completamente ridotto. Il resto della loro, sia pur breve vita, è dedicato alla riproduzione. La riproduzione è sessuale, l’accoppiamento avviene a terra e le uova vengono deposte sulla superficie dell’acqua.

A cura di Francesco Quagliarini